NEWS

La transumanza e la magia della Strega delle erbe

Il ritorno del bestiame #mila alle fattorie: il rito della scesa dalle alture altoatesine tra tradizione e leggenda

mila_muccaLa transumanza, un rito secolare che viene tutt’oggi celebrato con sfilate, canti e balli tradizionali, si ripete anche quest’anno in Alto Adige a partire dai primi giorni di settembre fino a ottobre inoltrato. I contadini mila, che hanno portato in primavera parte delle loro mucche mila sulle alture, sopra i 1.600 m, ringraziano la buona stagione estiva, si accingono a tornare nella fattoria, addobbando gli animali con ghirlande di fiori e rami, campanacci e specchi per difendersi dai fantasmi. La festa che accoglie le mandrie in paese è il modo per dare il benvenuto all’autunno. Insieme alle mucche, i contadini portano ai compaesani racconti e leggende sulle figure magiche e misteriose delle montagne come la Strega delle erbe.

Quando alla sera il sole scompare alla vista e alla mattina l’erba è ricoperta di piccole gocce di rugiada, vuol dire che l’autunno, con i suoi primi freddi, sta per arrivare ed è tempo per i contadini di riportare i propri animali nelle stalle a valle, dove trascorreranno l’inverno. Il 10 settembre l’appuntamento è a Prato dello Stelvio con l’arrivo delle prime mucche addobbate. Domenica 11 in Val Martello circa 100 mucche e vitelli, faranno ritorno a valle dalleStrega delle erbe malghe Enzia e Lyfi. Il 17 settembre la festa è a Plan in Val Passiria che accoglie le mucche dalla malga di Lazins. A San Martino di Val Casies il bestiame rientra dall’alpeggio il 5 ottobre. Per la transumanza a Riva di Tures in Valle Aurina bisogna aspettare il 15 e il 16 ottobre. La transumanza è un evento che mescola tradizione e magia, affascinante per grandi e piccini. Lungo le strade dei paesi si osservano le mandrie rumorose, si accarezzano gli animali e spesso si ascolta la storia della Strega delle erbe raccontata dai contadini mila.

La Strega si nasconde fra i boschi delle alture e raccoglie erbe aromatiche e fiori durante l’estate per poi lascarli seccare e regalarli ai contadini dei masi. Ben contenti del dono, i malgari li utilizzano per aromatizzare il formaggio di cui la Strega è ghiotta. La leggenda narra che la sera, i contadini, dopo aver fatto il formaggio, ne lasciano fuori dalla porta una fetta per ringraziare la Strega, protettrice dei boschi e del loro bestiame tanto prezioso. Da qui nasce il formaggio mila Strega delle erbe.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sostieni VinoeStile

I piu’ letti

VINO IN VILLA:  IN SCENA IL PAESAGGIO DEL CIMA
Spuntano nel vigneto le prime LUNOTTE, per vivere in botte l’esperienza della luna piena
“CHEF IN PUNTA DI DITA” lo  SPECIALE FINGER VENETO presentato al Governatore Zaia
Visita alle antiche cantine Uberti in Franciacorta
Dalla sauna alla neve: alle terme Merano i benefici della #sauna
S.TO.P. (Suite, Tonica e Prosecco)  il nuovo cocktail dell’estate 2016

Prosecco Conegliano Valdobbiadene

Follow Vino&Stile on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 1.617 follower

video – la trouffe noir, luigi ciciriello, Bruxelles

VIDEO – Cantina Scoffone

video – trattoria bolognese, natal, brasile

Video – LVMH a Bruxelles

news dal mondo dello showbiz, cultura, cibo in anteprima

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: